Scegli il tuo profilo:

Questo contenuto è riservato a Consulente finanziario.

Hai sbagliato selezione e sei un Istituzionale & Wholesale o Privato?

Approfondimenti

Asset allocation strategica e tattica

Qualche riflessione sul market timing

Settembre 2018

Trovare il momento giusto per investire e beneficiare delle oscillazioni di mercato è un’impresa a dir poco ardua. È un approccio da evitare, in mancanza degli strumenti giusti. 

In teoria, sarebbe una strategia interessante. Anticipando la mossa successiva dei mercati finanziari, sia che si tratti di vendere strumenti di investimento prima di una brusca perdita o di acquistarli appena prima di un deciso rialzo, gli investitori avrebbero la possibilità di aggiudicarsi notevoli guadagni.

È un peccato che un simile approccio tattico, noto come market timing, non funzioni bene all’atto pratico per la maggior parte degli investitori. Un conto è gestire attivamente un portafoglio in modo strategico, un altro è assumersi dei rischi basati sulle proprie intuizioni dei movimenti di mercato nell’immediato.

Nella sua forma più estrema, il market timing assomiglia al blackjack: la bravura sta nel sapere esattamente quando fermarsi e quando chiedere un’altra carta, in modo da battere il banco. Se non si è giocatori più che esperti, le probabilità di battere il mazziere nel corso della partita sono quanto meno trascurabili.

Infatti, alcuni studi hanno dimostrato che cercare di battere sul tempo il mercato può rivelarsi negativo per le proprie finanze nel lungo termine.

bruschi crolli di mercato sono eventi rari

Numero di volte negli ultimi 15 anni in cui le azioni globali hanno subito una flessione mensile di...

numero di mesi di volatilità
Fonte: Pictet Asset Management. Dati ricavati dai rendimenti dell'MSCI World nel periodo dal 31.12.2002 al 31.12.2017. Numeri riportati espressi in USD. 

In effetti, la ricerca indica che uno dei maggiori rischi del market timing è il costo di rimanere non investiti, anche per brevi periodi di tempo.

Ad esempio, come evidenzia un recente studio americano1, se gli investitori avessero messo 100.000 dollari in un fondo di titoli americani nel periodo dal 1996 al 2016 e lasciato il portafoglio intatto, l’investimento avrebbe raggiunto quota 440.000 dollari. Se, invece, avessero optato per una strategia di market timing, e poniamo il caso, avessero mancato anche solo 10 dei migliori giorni di trading sul mercato azionario statunitense, l'investimento sarebbe salito solo fino a 219.000 dollari.

Una differenza davvero notevole.

Con ciò non si intende disconoscere i meriti del market timing. Può funzionare bene per investitori capaci ed esperti, persone che hanno investito in diversi cicli di mercato e sono in grado di raccogliere e analizzare enormi volumi di dati e identificare le tendenze di mercato prima che prendano slancio.

Più in generale, tuttavia, l’approccio migliore è rimanere fedeli a quanto la storia ci mostra: ovvero, per avere una maggiore possibilità di investire con successo, è meglio costruire e mantenere un portafoglio diversificato di strumenti.

Come una volta disse il leggendario investitore Peter Lynch: “molti più soldi sono stati persi dagli investitori che si aspettavano correzioni di mercato, o che hanno cercato di anticiparle, di quelli persi nelle correzioni stesse.”