Scegli il tuo profilo:

Questo contenuto è riservato a Consulente finanziario.

Hai sbagliato selezione e sei un Istituzionale & Wholesale o Privato?

Approfondimenti

Esploriamo i COMITATI DI CONSULENZA DELLE STRATEGIE AZIONARIE TEMATICHE di Pictet AM

Parlare con gli esperti

Dicembre 2018

Philippe Rohner, Chairman of Thematic Advisory Boards

Una guida ai nostri Comitati di Consulenza tematici

Cosa sono i Comitati di Consulenza tematica di Pictet?

Philippe Rohner: Sono  un pilastro fondamentale della nostra gamma di strategie tematiche e sono essenziali per aiutare i nostri gestori a offrire quella sovraperformance nel lungo termine che gli investitori ci richiedono.

Ognuna delle nostre strategie tematiche ha un Comitato di Consulenza dedicato che idealmente comprende tre consulenti esterni con un track-record comprovato di esperienza in funzioni governative, aziendali e/o con ruoli accademici rilevanti per il tema.

I Comitati di Consulenza trasmettono conoscenze profonde alla nostra gamma azionaria tematica.  – Philippe Rohner

In termini di esperienza maturata da questi consulenti, non ricerchiamo necessariamente le massime autorità in materia, con i profili più alti. Anche perché le opinioni di queste persone sono spesso piuttosto visibili e quindi accessibili gratuitamente. Piuttosto cerchiamo esperti che possano fornire informazioni utili grazie alla loro esperienza industriale e imprenditoriale, o accademici che esprimano un pensiero innovativo.

Insieme ai rispettivi gestori compongono il Comitato di Consulenza, e si riuniscono in modo formale due volte l’anno. Gli altri partecipanti alle riunioni comprendono i product specialist del tema e, occasionalmente, in base all’argomento in discussione, esperti invitati. Io coordino e presiedo queste riunioni.

Perché lavoriamo con i Comitati di Consulenza?

PR: Riteniamo che questa competenza esterna aiuti i nostri team d’investimento a seguire e gestire meglio l'evoluzione dei singoli temi.

Quindi il ruolo di un Comitato di Consulenza non è quello di aiutare ad adottare decisioni d’investimento in quanto tali, né di “scegliere” le azioni da inserire in portafoglio, ma piuttosto di sostenere i gestori.

I Comitati di Consulenza aiutano a tracciare il corso di lungo termine di un tema.
I Comitati di Consulenza aiutano a tracciare il corso di lungo termine di un tema e forniscono informazioni specifiche sugli sviluppi a breve termine nel tema. Offrono la possibilità di consentire ai nostri gestori di rimanere concentrati sulle questioni legate alla costruzione del portafoglio, quali la selezione dei titoli, fiduciosi del fatto che gli sviluppi del “quadro più ampio” non passino inosservati.

In che modo i Comitati di Consulenza vi hanno aiutata a riposizionare un tema?

PR: Posso raccontare diverse situazioni in cui i Comitati di Consulenza ci hanno aiutato a confermare o a modificare e quindi a riposizionare i nostri temi. Gli esempi più recenti sono stati la conferma delle strategie Water e Security e il recente riposizionamento della nostra strategia Pictet Agriculture in Pictet Nutrition nel 2017.

Per quanto riguarda quest’ultima, abbiamo tenuto un workshop, che ha visto la partecipazione di alcuni esperti del Copenhagen Institute of Future Studies (CIFS) insieme ai membri del comitato di consulenza. Le discussioni che sono emerse sono state fondamentali per evidenziare il fatto che tutta la produzione alimentare mondiale si sta allontanando dal problema della ”quantità” (siamo in grado di produrre abbastanza cibo per tutti?) per concentrarsi sul problema sollevato dai consumatori sulla “qualità” (in che modo possiamo produrre cibo migliore?).

Membro del comitato di consulenza: PRofessor ASit K. Biswas
informazioni principali sul Professor Asit Biswas, esperto di acqua

Dove si riuniscono i Comitati di Consulenza?

PR: Di norma le riunioni del Comitato di Consulenza avvengono presso la nostra sede di Ginevra, ma non sempre. Ad esempio, recentemente abbiamo portato il Comitato di Consulenza per la strategia Timber a Shanghai dove abbiamo anche partecipato a una conferenza mondiale sul legno e visitato stabilimenti produttivi locali.

Come accennato in precedenza, occasionalmente teniamo workshop nei quali un comitato di consulenza incontra gli esperti del CIFS le cui analisi sui megatrend ci sono utili come lente attraverso la quale vedere e monitorare i motori di crescita secolare a lungo termine di un dato tema.

Membro del comitato di consulenza: Vaclav smil
Informazioni principali sul Professor Vaclav Smil, esperto di energie pulite

Perché ci avvaliamo del Copenhagen Institute?

PR: Vorrei sottolineare innanzitutto che ci sono altri concetti di megatrend consolidati che sarebbero altrettanto adatti. Detto ciò, cosa apprezziamo in modo particolare del CIFS è che la sua “raison d’être” è la sua analisi dei megatrend: non offre semplicemente una  consulenza per la ricerca generalista. Riteniamo anche che il fatto che sia un’organizzazione commerciale no-profit garantisca un certo livello di obiettività.

Membro del comitato di consulenza: SANDrine ZERBIB
informazioni principali relative a Sandrine Zerbib, Premium brands expert
Nel complesso, dato che la sua attività non è orientata all’investimento, riteniamo che il CIFS ci fornisca una certa complementarità. Ha anche grande capacità di seguire in che modo evolvono i driver e i facilitatori dei megatrend. In quanto membri del CIFS beneficiamo della loro ricerca e generazione di contenuti proprietarie.

Qual è il suo ruolo?

PR: Mi occupo di agevolare, moderare e gestire l’interazione e soprattutto controllare il risultato dei Comitati di Consulenza.

L’ordine del giorno tipico di un comitato di consulenza
L’ordine del giorno tipico di un comitato di consulenza

Questo tipo di responsabilità mi consente di unire la mia vasta esperienza nel settore e in ambito di investimenti. Quarant’anni fa, quando all’inizio della mia carriera come ingegnere chimico, ho scelto di concentrarmi sulle questioni ambientali associate al consumo dell’acqua presso un’importante società petrolifera, ovviamente non immaginavo che sarei finito a ricoprire questa posizione.

Guardando al passato, tuttavia vedo la naturale evoluzione della mia carriera in Pictet, che è iniziata come analista azionario sell-side vent’anni fa. Nel 2002, sono diventato un gestore insieme ad Hans Peter Portner per la strategia Pictet Water. Negli anni successivi ho avuto il grande piacere di offrire il mio contributo al successo dell'espansione della nostra gamma azionaria tematica.

Thematic_WebcastWhite_fullbleed_201810.jpg