60 secondi con il gestore Clean Energy

Aprile 2016

Luciano Diana, Head of Environmental Strategies

Luciano Diana, ci parla della sua visione del mercato e delle prospettive per i prossimi sei mesi.

Un passo indietro

LD: A metà dicembre gli Stati Uniti hanno esteso di altri cinque anni gli sgravi fiscali per l’eolico e il solare; questa decisione mi ha sorpreso, visto che le agevolazioni sarebbero dovute terminare a fine 2016. Le mie previsioni per i titoli USA delle energie rinnovabili erano già positive, ma questa scelta le ha confermate, poiché aumenta la visibilità sulle società del settore e ne migliora ulteriormente le prospettive di crescita. L’inaspettato compromesso tra Democratici e Repubblicani è stato possibile perché entrambi i partiti hanno ottenuto ciò che volevano: i Democratici le agevolazioni fiscali sulle rinnovabili e i Repubblicani l’abolizione del divieto sulle esportazioni di petrolio.

Hit & miss

LD: Negli ultimi mesi il segmento dell’efficienza degli edifici ha offerto ottime performance. È stato uno dei risultati migliori del Comparto. Il mercato ha sottostimato la richiesta di prodotti di bioedilizia, come illuminazione LED, materiali isolanti ed elettrodomestici a basso consumo. La crescita in questo settore può essere significativa, poiché tali prodotti sono ancora poco rappresentati rispetto ai materiali edilizi e agli elettrodomestici classici.

Mi stupisce la continua sfiducia verso i titoli legati all’efficienza dei trasporti. Sono fermamente convinto che i produttori di componenti per il settore automobilistico trarranno grandi benefici da rigide normative in materia ambientale e di rendimento del combustibile, che non risentiranno dell’attuale basso prezzo del petrolio. Tuttavia, l’investitore medio sembra credere che i fondamentali delle suddette società siano ormai compromessi. Riteniamo che sia una visione troppo pessimista.

Nel mirino

LD: Per i prossimi anni punto molto sullo stoccaggio dell’energia. È un fattore chiave per la transizione energetica, poiché può letteralmente rivoluzionare i settori delle utility elettriche e dei trasporti. Lo stoccaggio consentirà in particolar modo di aumentare l’utilizzo delle energie rinnovabili nella rete elettrica e promuovere le auto elettriche. La tecnologia agli ioni di litio è attualmente la più promettente e Tesla sembra avere un vantaggio su tutti gli altri competitor. Seguo con particolare attenzione la sua Gigafactory, che dovrebbe iniziare le attività nel 2017 e ridurre drasticamente i costi di produzione.

Una nota personale

© Pictet Asset Management 2016