I am Article Layout


Scegli il tuo profilo:

Questo contenuto è riservato a Istituzionale & Wholesale.

Hai sbagliato selezione e sei un Consulente finanziario o Privato?

New-York-traffic-light_heroes_201607.jpg
Novembre 2016

Il trionfo di Trump – Lo scenario possibile

Le sue proposte fiscali potrebbero imprimere la necessaria spinta all’economia, ma la sua visione del commercio globale è preoccupante.

Oltre lo shock iniziale

La campagna elettorale americana più divisiva e aspra di sempre si è conclusa con l’inattesa decisione di sovvertire l’establishment e consegnare a Donald Trump le chiavi della Casa Bianca.

Il candidato repubblicano, che tra le altre cose ha proposto un muro lungo il confine con il Messico, un freno agli scambi internazionali e consistenti riduzioni delle imposte sulle imprese, ha avuto la meglio sulla rivale democratica Hillary Clinton assicurandosi ben più dei 270 voti dei grandi elettori necessari per diventare il 45° Presidente degli Stati Uniti.

Non è ancora chiaro se la presidenza Trump possa essere un elemento negativo oppure positivo per gli investitori.



Il successo di Trump si deve alla conquista di stati contesi come Florida, Iowa, North Carolina e Ohio. Oltre alla Presidenza, i Repubblicani hanno ottenuto la maggioranza sia alla Camera dei Rappresentanti sia al Senato.

Man mano che la cartina politica degli USA si tingeva di rosso, andavano in rosso anche le piazze azionarie mondiali, che avevano praticamente escluso qualsiasi possibilità di vittoria dell’outsider repubblicano.

Tuttavia, in un’ottica di lungo periodo, non è ancora chiaro se la presidenza Trump possa essere un elemento negativo oppure positivo per gli investitori.

Contro il commercio globale

Forse la minaccia più grave alla crescita globale e alle piazze finanziarie è il protezionismo del nuovo presidente eletto. Una fonte di preoccupazione è la proposta di aumentare i dazi doganali – Trump si è impegnato, tra l’altro, ad applicare un’imposta del 45% sulle merci importate dalla Cina. Le accuse di manipolazione valutaria rivolte alla Cina potrebbero inoltre alimentare il rischio di ritorsioni da parte della seconda economia mondiale. Proprio quando il commercio globale sembra attraversare una fase di flessione strutturale, la posizione di Trump getta un’ombra sulle prospettive economiche del pianeta.

Il lato positivo: tasse e infrastrutture

La conquista di Casa Bianca, Camera dei Deputati e Senato da parte del partito Repubblicano potrebbe significare la fine della stasi politica che affligge gli Stati Uniti da qualche anno. I progetti di Trump per abbattere le imposte sulle società dal 35% al 15% e aumentare la spesa in infrastrutture di almeno USD 500 miliardi – due interventi a nostro avviso positivi per l’economia USA – hanno più possibilità di realizzarsi adesso che il suo partito ha il pieno controllo della legislatura.

Altrettanto incoraggianti sono i piani per incentivare le multinazionali americane a rimpatriare i capitali accumulati all’estero e le proposte di semplificare il codice in materia fiscale e tagliare l’aliquota massima dell’imposta sul reddito.

Aumento di deficit, inflazione e tassi

D’altro canto, il taglio delle tasse e l’incremento della spesa pubblica determineranno nei prossimi anni un ampliamento del deficit, che senza dubbio avrà pesanti ripercussioni sull’inflazione e sui rendimenti obbligazionari.

Sulla base delle previsioni di un ente super partes come il Council for a Responsible Federal Budget, stimiamo che il deficit di bilancio si attesterà in media al 6,1% del PIL annuo per i prossimi 10 anni, rispetto all’attuale 3,1%.
VINCITORI E VINTI NELL’ERA TRUMP
Trumps agenda

Fonte: Pictet Asset Management, Novembre 2016

Un più elevato deficit provocherà certamente un aumento delle pressioni sui prezzi. L’inflazione dovrebbe interessare anche il mercato del lavoro: la proposta di Trump sul contenimento dell’immigrazione accelererà probabilmente la crescita salariale. Ne conseguirà un inasprimento monetario più rapido di quanto prospettato dalla Fed. Senza dubbio dopo lo shock elettorale la banca centrale potrebbe rimandare il previsto aumento dei tassi sino al 2017, come suggeriscono attualmente i mercati.

Tuttavia, nel lungo periodo la Fed sarà più propensa a chiudere i rubinetti, con il conseguente aumento dei rendimenti obbligazionari e dell’inclinazione della curva. La risalita dell’inflazione e l’ampliamento del deficit potrebbero inoltre decretare la fine della fase rialzista del dollaro. Stando ai nostri modelli, il biglietto verde risulta già sopravvalutato del 20% circa su base relativa . E’ comunque difficile formulare previsioni sulla valuta americana e sui tassi di interesse in USD dati i rapporti tesi fra Trump e la Fed. Ferreo oppositore della politica monetaria ultra-accomodante, il neo eletto presidente vorrebbe imporre un controllo sull’attività della banca centrale, compromettendone così l’indipendenza. Il tycoon ha inoltre chiesto le dimissioni del n. 1 della Fed Janet Yellen, il cui mandato scade nel 2018.

Buone prospettive per industria e sanità

Con la vittoria di Trump e l’incertezza che ne deriva, il contesto degli investimenti azionari e obbligazionari si fa più critico, considerando che entrambe le asset class presentano ancora valutazioni elevate rispetto alle medie storiche.

Fondamentalmente riteniamo che i mercati globali siano schiacciati fra i progressi sul fronte economico e la riduzione degli stimoli monetari. Sinora, il deterioramento delle condizioni di liquidità – caratterizzati dal ripristino delle operazioni di reverse repo della Fed e dalla liquidazione delle riserve detenute dalle banche centrali dei Paesi emergenti – ha riguardato anzitutto il mercato americano.

Il lato positivo è che, in caso di maggiore volatilità, gli istituti monetari potrebbero intervenire nuovamente con misure di stimolo aggiuntive.

In caso di maggiore volatilità, gli istituti monetari potrebbero intervenire nuovamente con misure di stimolo aggiuntive.

Alcuni settori saranno comunque favoriti dalle proposte di Trump. Ad esempio, i piani di investimento nelle infrastrutture dovrebbero supportare i titoli industriali e le costruzioni. Ma potrebbero esserci risvolti positivi anche per il settore della salute, che tirerebbe il fiato dopo la paura per le possibili riduzioni dei prezzi dei farmaci paventate da Clinton.

I settori della difesa e dell’energia sarebbero favoriti anche se i prezzi del petrolio risentissero di un aumento dell’offerta dovuto all’ eliminazione delle restrizioni sulla produzione.

Il settore finanziario potrebbe infine registrare un forte rally qualora Trump mantenesse la promessa di annullare alcune regolamentazioni bancarie varate dopo la crisi del 2008.

Vita dura per le obbligazioni

L’amministrazione Trump avrà probabilmente effetti negativi sui mercati obbligazionari. Il debito emergente sembra particolarmente vulnerabile. L’aumento dei rendimenti sarebbe un fattore sfavorevole, così come l’ulteriore flessione del commercio mondiale. Ma non tutte le piazze emergenti sarebbero svantaggiate. I bond emessi dagli esportatori di commodity potrebbero guadagnare terreno se i prezzi delle materie prime salissero in conseguenza della maggiore spesa per le infrastrutture negli USA.

Persistenti rischi politici

Nel 2017 le asset class rischiose resteranno sotto pressione a causa dell’evoluzione del clima politico. I mercati aspetteranno di di vedere le scelte di Trump per la creazione del suo governo e se il movimento anti-establishment che ha decretato la sua vittoria continuerà a rafforzarsi anche in Europa. In Italia il referendum costituzionale di dicembre potrebbe già costituire un segnale in questo senso.